sbrana.com digital marketing, SEO/SEM

Categoriail poco che so di web marketing

PageRank Sculpting e link in javascript: una rivoluzione! O no…

P

In base alle recenti dichiarazioni rilasciate da Matt Cutts, potremmo (condizionale) pensare di azzardare un paio di punti fermi in merito a due argomenti di cui si è parlato molto durante e dopo il recente SMX Advanced: PageRank sculpting e PageRank da link in javascript, argomenti tra loro strettamente correlati.

Brand reputation e eventi offline

B

Recentemente mi è capitato di vedere un video che, pur non offrendo risultati rilevanti ad esso correlati nelle serp dei motri di ricerca, non può che far riflettere sulle ripercussioni che un evento, anche offline, può avere sulla reputazione di un’azienda che opera sul web.
E’ accaduto, suo malgrado, a Phone And Go, tour operator attivo online e tramite prenotazione telefonica, "protagonista involontario" di un servizio di Studio Aperto.

Corso SEO Web Marketing Experience di Madri: io vò! :)

C

Ai pochi che potrebbe interessare la cosa comunico che il 29 Maggio sarò a Milano al Corso Seo Web Marketing Experience di Madri, anche se devo dire che non mi è chiarissimo il motivo (o forse sì… un’efficace strategia commerciale? 😛 ) per il quale viene definito corso seo quando poi, a mio personalissimo avviso, il web marketing abbraccia -anche- molte altre attività, non solo la search engine optimization.

Sitelink su pagine interne e strategie di posizionamento sui motori di ricerca

S

Nell’ambito delle varie attività che svolgiamo per i nostri clienti, compreso dunque il monitoraggio del posizionamento sui motori di ricerca, noi del team di Intarget.net ci siamo imbattuti in un fenomeno mai visto prima: il sito internet di Media World, cliente per il quale seguiamo diverse attività rivolte ad incrementarne la visibilità sui motori di ricerca, da qualche tempo restituisce su Google diversi sitelink su pagine interne.

Google Analytics e Clienti: non è sempre facile

G

Anzi, può essere abbastanza complesso. Soprattutto quando il sito cliente ha nel proprio staff una professionalità spiccatamente markettara, non particolarmente preparata in ambito web marketing e web analytics. Magari anche un po’ wannabee. Si tratta comunque di una professionalità sicuramente valida, orientata ad individuare ambiti di miglioramento del proprio business. Il cliente, dopo circa quattro mesi di pianificazione mirata alla rimozione delle doorway create in elevato numero da una vecchia web agency, ad incrementare la visibilità del sito verso utenza targetizzata pianificata in funzione dei volumi di ricerca, della competitività e dell’universo semantico di riferimento, in occasione di una delle frequenti telefonate che tiene con il proprio consulente di search...

Search engine optimization: un caso di insuccesso

S

Quella che sto per raccontarvi è la storia di un insuccesso personale da me vissuto prima di approdare ad Intarget.net, una lezione che mi sta servendo moltissimo.
Ad inizio primavera del 2007 entro in contatto con un cliente interessato ad un servizio di search engine optimization: una PMI in procinto di rinnovare il proprio sito web, desiderosi di farlo nascere già  search engine friendly ed incrementare così la visibilità on-line per ricerche correlate al loro core business.
In quel periodo collaboravo con un’agenzia seo italiana (che non nominerò).
Entrano però in gioco diversi fattori che inizialmente non erano stati ben valutati:

Un anno di Search Marketing con Intarget.net

U

Oggi (in realtà a quest’ora di un anno fa stavo già facendo il mio primo piano operativo, ma i giorni scorsi ero veramente troppo oberato) festeggio il mio primo anno con Intarget.net.

Un grazie a tutti i miei colleghi, con i quali si è instaurato un bel rapporto di stima e amicizia.
PS: nella foto manca qualcuno del team di Pisa e tutto lo staff dell’agenzia di Milano: un grazie anche agli assenti. 😉

Come scegliere i colori per un sito internet

C

Chissà quante volte vi siete decisi ad adottare un determinato colore per un vostro progetto on-line, magari facendovi influenzare dal vostro colore preferito. Siete pronti a mettere on-line il vostro e-commerce: le pratiche per aprire un e-commerce sono state tutte sbrigate, avete dei prodotti fantastici che destano interesse, prezzi concorrenziali, vi siete affidati ad alla migliore agenzia di search marketing presente sul mercato, il checkout è assolutamente chiaro e magari non chiederete neanche la registrazione obbligatoria ai vostri utenti… ma avete pensato alla scelta dei colori del sito, valutandone l’emozione che trasmetterete al vostro utente? Vediamo se con le mie reminescenze di liceo artistico, coadiuvate dal poco che so di e-commerce, web marketing e...

Quando il meta tag description fa la differenza

Q

Più di una volta ho cercato di dare un mio parere sulla description (o meglio, sul meta tag description): in definitiva sostengo che è ben poco utile (se non completamente inutile) ai fini di indicizzazione e posizionamento sui motori di ricerca, e in modo particolare su Google.
Magari se ben composta la description può incrementare il CTR (Click Through Ratio, il rapporto tra visite generate e il numero di impression), dunque le visite da parte di potenziali clienti: di quello sono assolutamente convinto. Direi che è un aspetto da non sottovalutare.

Meta description: non serve a una mazza, però serve…

M

Sul blog Google Webmaster Central qualche giorno fa è stato pubblicato un post riguardante il meta tag description, forse niente di particolare, ma la mia attenzione è stata catturata da una frase in particolare:
“And it’s worth noting that while accurate meta descriptions can improve clickthrough, they won’t affect your ranking within search results.”
Probabilmente non è altro che l’ennesima conferma che la meta description è inutile per il posizionamento di un documento web.
Quindi smettiamo di usarla, no?
No, su quel post c’è scritto anche altro.

sbrana.com digital marketing, SEO/SEM

Alessio Sbrana

Da circa 20 anni mi occupo di strategie di web marketing: nel corso della mia carriera ho avuto l'opportunità di lavorare come freelance, imprenditore e responsabile dei team digital per varie agenzie di digital marketing.
Questi ruoli mi hanno dato modo di lavorare per siti aziendali, istituzionali, onlus, gruppi bancari, multinazionali, pmi, info-commerce e, soprattutto, siti di commercio elettronico.

Il miei "primi amori” sono stati la SEO e la SEM, ma la generazione di traffico, se pur "di qualità", non può bastare: negli anni ho approfondito le mie conoscenze in ambito digital con l’obiettivo di aumentare il profitto economico delle aziende attraverso il web, in modo particolare grazie alla conversion optimization (CRO) e alla marketing automation.

Quando non sono a correre in montagna mi occupo di formazione nel mondo digital.

CONTATTAMI